Home > Argomenti vari > amami come ami la tua vita……..

amami come ami la tua vita……..

26 Gennaio 2010

MI SONO SEDUTA E HO PIANTO………..(PAULO )+ iris.,m.(adattamenti miei…….)

Narra la leggenda che tutto ciò che cade nell’acqua di questo fiume, le foglie, gli insetti, le piume degli uccelli , si trasformino nelle pietre del suo letto.ah..se solo potessi strapparmi il cuore dal petto e lanciarlo nella corrente..allora non ci sarebbero + dolore, nè nostalgia nè ricordi.
Sulla sponda del fiume Piedra..mi sono seduta e ho pianto.Il freddo dell’inverno mi ha fatto sentire le mie lacrime sul viso: lacrime calde che si sono confuse con le acque gelate che scorrono davanti a me.In qualche punto , il fiume si unisce con un altro,,
poi con un altro ancora, finchè lontano dai miei occhi e dal mio cuore…tutte le acque si confondono con il mare.

Che le mie lacrime scorrano lontano, perchè il mio Amore non sappia mai che un giorno ho pianto per lui.Che le mie lacrime scivolino via, e solo allora dimenticherò il fiume Piedra, il monastero, la chiesa sui Pirenei, la bruma, i cammini che abbiamo percorso insieme.
Dimenticherò le strade , le montagne, e i campi dei miei sogni: sogni che mi appartenevano e che non conoscevo assolutamente.

Ricordo il mio istante "magico", quel momento in cui un Si’o un no può cambiare tutta la nostra Esistenza.Sembra che sia accaduto tanto tempo fa, eppure è solo da una settimana che ho ritrovato il mio amato e l’ho perduto.
Sulla sponda del fiume Piedra , ho scritto questa storia.Le mie mani erano gelate,le gambe intorpidite dalla posizione, e io avevo bisogno di fermarmi spesso.
Forse l’amore ci fa "invecchiare" anzitempo e ci rende giovani quando la gioventu’ è passata. Ma come non rammentare quei momenti?
perciò ho scritto! per trasformare la tristezza in nostalgia, la solitudine in Ricordi. perchè dopo aver raccontato a me stessa questa storia, io la potessi lanciare nel fiume Piedra.Era questo l’insegnamento della donna che mi ha salvato la vitae mi ha accolto quando ero moribonda nella sua casa. Allora per ricordare le parole di una santa °la vergine le acque avrebbero potuto spegnere ciò che il fuoco della passione ha scritto.
Tutte le storie d’amore sono perfette e eguali e bellissime.e Indimenticabili………………

"ricordo"1
C’era un bicchiere sul tavolo…….."rompi quel bicchiere "ho insistito io.
"rompi quel bicchiere " pensavo.."perchè è un gesto simbolico………….

Cerca di capire che io , dentro di me, ho rotto Cose ben più importanti di un bicchiere, (il mio vecchio attaccamento alla persona passata., il mio lavoro a cui ho deciso di rinunciare e la continuazione di tutto quello che stavo facendo, la mia famiglia e i suoi valori) e ne Sono felice. Pensa alla lotta che divampa dentro di te e rompi questo bicchiere.

PERCHè I NOSTRI GENITORI ci hanno insegnato a fare attenzione con i bicchieri come con i corpi. ci hanno spiegato che le passioni vanno represse e quelle dell’infanzia sono impossibili, che non dobbiamo distrarre gli uomini dal sacerdozio …(lui era un prete)..
che gli individui non fanno miracoli (non c’è niente di più sbagliato) e che nessuno parte per un Viaggio senza una meta precisa..mentre è il viaggio che conta..non la Rompi questo bicchiere" per favore" e liberaci da questi preconcetti con i quali siamo stati costretti a crescere……,liberami dalla mania che sia necessario spiegare tutto e fare solo quello che gli altri approvano.

Rompi questo bicchiere"" gli ho ripetuto.

MI Ha fissato negli occhi. Poi lentamente, ha fatto scivolare la mano sul piano del tavolo, fino a toccare il bicchiere,con un movimento rapido……, lo ha SPINTO GIU’.

E ALLORA…………

Il rumore del vetro infranto ha richiamato l’attenzione di tutti gli avventori del bar…INVECE di mascherare il gesto,chiedendo scusa….LUI MI HA GUARDATA SORRIDENDO…. e io ho ricambiato il gesto….NON ha importanza "ha detto il ragazzo che serviva ai tavoli. ma
Lui non lo ascoltava finalmente, si è alzato ,e , mettendomi le mani nei capelli mi ha baciato……………

Anche io l’ho afferrato x i capelli, l’ho abbracciato con tutte le mie forze, gli ho morso le labbra, ho sentito la lingua muoversi nella mia bocca. Era un bacio che attendevo da giorni, ore, minuti lunghi anni…. erano Anni,invero,molto molto tempo; un bacio che era nato presso i fiumi della nostra infanzia a diciasette anni…., quando non comprendevamo ancora il Significato dell’amore.un bacio che era rimasto in sospeso quando più tardi vivevamo il mondo per una medaglia, o ci nascondevamo dietro pile di libri da studiare per un esame od un concorso. UN
BACIO CHE SI ERA PERDUTO TANTE TANTE VOLTE IN QUESTI ANNI, E CHE ADESSO VENIVA FINALMENTE RITROVATO.
Nella durata di quel bacio scorrevano anni di ricerche , di delusioni, di sogni impossibili.
L’ho baciato con forza.
Le poche persone presenti nel locale guardavano, pensando di vedere semplicemente con un bacio. Ma non sapevano che quel lungo minuto era il compendio della mia e della sua vita, DELLA VITA DI CHIUNQUE ASPETTI, SOGNI E CERCHI IL PROPRIO CAMMINO SOTTO IL SOLE.

In quel minuto c’erano tutti i momenti di gioia che posso aver vissuto nella mia breve ma mia mia mia vita…….

Categorie:Argomenti vari Tag:
  1. 26 Gennaio 2010 a 23:34 | #1

    Ciao Iris, è un sacco di tempo che non passo a trovarti, e trovo un nuovo post proprio oggi…
    non sono sicuro di aver capito bene, ma spero tanto per te che tu stia passando un periodo sereno.
    Ciao!

  2. 27 Gennaio 2010 a 10:26 | #2

    Sono davvero felice che tu sia tornata!

    :-)

  3. 27 Gennaio 2010 a 11:54 | #3

    Un bacio lungo una vita, non tutti hanno avuto la fortuna di darlo, spero che questo sia il tuo caso.
    Mi fa piacere ritrovarti a scrivere. Spero che dalle tue parti vada tutto bene, un abbraccio.

  4. Aurora
    1 Febbraio 2010 a 2:54 | #4

    Cara Iris… che contentezza avere notizie di te, ho letto adesso il tuo messaggio sul blog wordpress, mi sono precipitata a scriverti perché sono felice di averti ritrovata… e molto meno per le cose che leggo qui, che ti sono capitate, orrende… mi dispiace tanto carissima Iris, ti abbraccio..
    In tiscali, non entravo da…credo un paio d’anni, poi è arrivata giorni fa la mail tiscali che diceva che i blog sono trasferiti… ma io mi sono trasferita via già da molto, allora sono andata a chiudere il vecchio blog tiscali.
    Avevo creduto tempo fa che non ti facessi più viva, ogni tanto sono andata a sbirciare il tuo blog ma era fermo, e mi accorgo che l’ultima volta che sono entrata a vedere e t’ho lasciato un saluto…è stato una decina di giorni prima…che ti accadesse quell’azione criminale da parte di un delinquente…
    Scrivimi, io ne sono contentissima: mi sono appena operata, sto a casa, e mi fa piacere parlarti, non sono riuscita a mandarti il messaggio dal contattami del vecchio blog nuvolacotton tiscali!
    La mia mail dovrebbe arrivarti in questo commento, l’ho inserita, dovresti vederla nella tua bacheca!
    Io ho perso di vista tutte le poche persone che avevo incrociato su tiscali.. perfino quelle che avevo incrociato su blogspot, dato che ho lasciato anche quella piattaforma, e a dire il vero, trascuro il blog, anche questo…
    Poi, c’è una pagina, nel mio blog attuale, la pagina ‘contatti’, da lì mi puoi mandare tutti i messaggi privati che vuoi!
    A presto Baci!
    Aurora

  5. 4 Febbraio 2010 a 18:00 | #5

    che bello leggere un tuo commento da me dopo tanto! sei tornata!!

    e alla grande con questo post
    bellissimo, romanticissimo e, mi fa venire alla mente una cartolina che mi aveva scritto il mio Socio quando me ne ero andata via da casa e dalla mia città

    …LE PERSONE POSSONO LASCIARSI, ANDARE A VIVERE IN ALTRI CONTINENTI, RECIDERE LEGAMI. MA SE CI SONO LEZIONI CHE DEVONO INSEGNARSI A VICENDA, SE E’ DESTINO CHE STIANO INSIEME, ALLORA IL TEMPO E LA LONTANANZA CESSERANNO DI ESISTERE E COLORO CHE SI SONO PERSI SI RITROVERANNO… Ciao dal Socio

    lei intendeva la nostra amicizia, ma anche in amore è così, anzi più forte.. tempo e lontananza cessano di esistere.. e si capisce di aver vissuto per quel bacio

  6. 6 Febbraio 2010 a 21:56 | #6

    …passavo da queste parti e volevo lasciarti un saluto.

    Spero di tornare a leggere presto i tuoi pensieri.

  7. 8 Febbraio 2010 a 14:58 | #7

    ciao Iris, grazie del tuo passaggio da me :-)

    il libro che citi di Coelo mi è stato più volte consigliato…ma non l’ho mai letto. A parte questo complimenti per aver riportato qui un momento per te indimenticabile….io le chiamo “spremute di cuore”.

    ricambio il tuo abbraccio e l’augurio di tante ore

    bellissime!

    :-)

    Angy

  8. 9 Febbraio 2010 a 14:04 | #8

    Ciao Iris e piacere di conoscerti ?

    perdona il ritardo ma ho letto solo oggi il tuo commento,comunque sarò felicissima di aiutarti,piu tardi posto un argomento sulla NEP cosi puoi farti un idea piu chiara del percorso e cosa significa nello specifico.Se vuoi puoi contattarmi anche tramite MSN,il contatto lo trovi nella mia home :)

    A presto allora ! ?

  9. 13 Febbraio 2010 a 21:55 | #9

    Ciao! Sono un pò in ritardo!!!

  10. Flor de vidrio
    14 Febbraio 2010 a 6:23 | #10

    Bentrovata Iris! piacevole risentirti..con un poco più di grinta…faticosamente alla quale vai aggrappandoti…almeno stando al post…quanto a me sono stata presa da affari di famiglia impegnativi sotto ogni aspetto e adesso mi preparo alla nonnitudine… jajaja…nel frattempo sto preparando l’uscita della mia annuale raccolta di racconti. La mia vita scorre sui soliti binari e mi rallegro quando nn ci sono deragliamenti… ti abbraccio forte e: Avanti!

I commenti sono chiusi.