Archivio

Post Taggati ‘amore’

le mandorle estive……..

27 Luglio 2009 Commenti chiusi
Categorie:Argomenti vari Tag:

diciotto aprile duemilanove………l'inizio di nuove strade

18 Aprile 2009 4 commenti
Categorie:Teatro Tag: , ,

a d d i o.

4 Aprile 2009 1 commento

al pensiero di vederti

Prosegui la lettura…

Categorie:Argomenti vari Tag:

sabrina

7 Marzo 2009 2 commenti

la confusione di una nuvola

20 Febbraio 2009 1 commento

io vedo il mondo come qualcosa di incredibile

28 Gennaio 2009 1 commento


 

IO VEDO IL MONDO COME QUALCOSA DI INCREDIBILE
L’INCREDIBILE E’ CIO’ CHE NON SI PUO’ VEDERE
FIORI NELLE MATITE, DEBUSSY SULLA SABBIA
IN UNA SCONOSCIUTA LOCALITA’ DI MARE
RAGAZZE DENTRO IL FERRO IN FONDO ALL’ABITUDINE
MINATORI CHE SCAVANO NELLA LORO APATIA
REGGISENI PER GATTI E DEGLI INDUSTRIALI
CHE LAVORANO PER GLI OPERAI DELLA FIAT
IO VIVO ALTROVE DENTRO LA QUARTA DIMENSIONE
DOVE E’ MESSA IN FUMETTI LA RELATIVITA’
VIENI DA ME CHE SONO LA QUERCIA ED IL DOMANI
VIENI DA ME C’E’ UN FUOCO CHE TI RISCALDERA’
IO VOLO PER LA PELLE IN CIELI DI MISERIA
IO SONO UN VECCHIO BOEING DELL’ANNO ‘89
PORTO IL FIORE TRA I DENTI VERSO L’ULTIMA GUERRA
CON MACCHINE DA SCRIVERE DALLE UNIFORMI NUOVE
IO VEDO PIANOFORTI SU VENTRI DI RAGAZZE
E IN OCCHI DI BIMBA LA STEREOFONIA
UNO SCIMPANZE’ DI GHIACCIO CHE CANTA LA MIA MUSICA
DOLCEMENTE CON ME E TU NON PARLI MAI
   TU NON DICI MAI NIENTE
   TU NON DICI MAI NIENTE
   QUALCHE VOLTA TU PIANGI
   COME PIANGON LE BESTIE
   CHE NON SANNO IL PERCHE’ E NON DICONO NIENTE
   COME TE L’OCCHIO ALTROVE NEL FARMI LE FESTE
IO VEDO MOLTITUDINI NEL TUO VENTRE DESERTO
IO SONO L’INDOMANI IL MIO DOMANI SEI TU
IO VEDO DENUDARSI FIDANZATI PERDUTI
ALLA TUA VOCE LIEVE OGNI NOTTE DI PIU’
TIEPIDI ODORI SOPRA MARCIAPIEDI DI SOGNO
NEL MIO LETTO D’ASFALTO DENTRO A QUESTA CITTA’
SOPRA DI ME LO SCORRERE DI RAGAZZE E DI SPUGNE
CHE TRASUDANO IL SUCCO DI QUESTA FOLLE ETA’
IO VIVO ALTROVE DENTRO LA DIMENSIONE X
E OSSERVO IL MONDO DA UNA FERITOIA
IO SONO IL SEMPRE IL MAI SONO LA X
DELLA FORMULA DELL’AMORE E DELLA NOIA
IO VEDO TRAMVAI BLU SU ROTAIE DI PIANTO
PARAVENTI CINESI SOTTO IL VENTO DEL NORD
OGGETTI SENZA OGGETTO E FINESTRE DA ARTISTI
DA CUI ESCONO IL SOLE, IL GENIO E LA MORTE
ASPETTA, VEDO ANCORA UNA STELLA SMARRITA
CHE TI VIENE A CERCARE E TI PARLA DI ME
LA CONOSCO DA TEMPO, VIVE ALLA PORTA ACCANTO
MA LA SUA LUCE E’ ILLUSORIA, COME ME
   E NON MI DICI NIENTE TU NON DICI MAI NIENTE
   MA SPLENDI NEL MIO CUORE COME SPLENDE UNA STELLA
   COI SUOI FUOCHI PERDUTI IN SENTIERI LONTANI
TU NON DICI MAI NIENTE PROPRIO COME UNA STELLA
TU NON DICI MAI NIENTE TU NON DICI MAI NIENTE
TU NON DICI MAI NIENTE TU NON DICI MAI NIENTE

Prosegui la lettura…

la neve…..poesia d'amore candido

4 Gennaio 2009 10 commenti


…Sta nevicando…la notte è stranamene luminosa…il riflesso notturno della coltre bianca regala una sensazione di immobilità. Il tempo sembra fermarsi sull’immagine degli alberi che si stanno adornando di merletti ricamati e candidi.
Raramente si gode di tale atmosfera da queste parti. Un effetto quasi surreale.

iris.m…………………….

3 Gennaio 2009 1 commento

i bambini giocano alla guerra

31 Dicembre 2008 3 commenti

sono tornata.iris è tornata. sono stata in ospedale e oggi è l’anniversario della morte di mio fratello avvenuta nel lontano 2000 per un incidente mortale sulle strade.lo ricordo cosi.

Prosegui la lettura…

emozioni…

23 Novembre 2007 8 commenti

emozioni e visioni oniriche

postato da iris [29/10/2005 11:46]

Questa notte è cambiato qualcosa, invece di un incubo ho fatto uno strano sogno:
" ero in una piazza semi circolare bellissima ed io mi sentivo bene e mi vedevo bella mi piaceva come ero vestita e mi sentivo bella, ad un tratto mi accorgo che c’è un ragazzo alto molto bello per me che mi osserva ed io lo osservo rapita, allora inizio a passeggiare intorno al giardino curatissimo e ricco di fiori (io adoro i fiori) di questa piazza, ho un vestito sapete quelli di seta a fiori con la cinta in vita con la gonna svolazzante e un cappello a larghe falde in mano, mi sento felice e spensierata, ma con nello stomaco un senso di attesa per qualcosa che dovra’ succedere,
con la coda dell’occhio lo osservo è veramente intrigante con profondi occhi nocciola dei capelli lisci stupendi e un mento pronunciato,
mentre cammino gioiosamente (e non mi sento male per l’ansia) lui prende la bicicletta, fa il giro della piazza e si ferma accanto a me, mi chiede "scusami, ti posso domandare una cosa, questa giacca mi sta bene, perchè la vorrei buttare e sono indeciso…e così ci mettiamo a parlare "….
iniziamo a camminare e appoggiandoci accanto ad un muro semi abbracciati lui mi dice "lo so, adesso vorresti essere baciata ma io non posso perchè non ho mai baciato nessuno" e……… stranamente sono io che prendo l’iniziativa semplicemente abbracciandolo e dicendogli "non importa mi basta cosi’ starti vicino ed aspirare l’odore della tua pelle",
allora mi dice " sai io esco raramente e di solito la sera mi rimpinzo davanti alla tv e mi diverto con il mio cane " ed io gli rispondo "ma è fantastico ! anche a me non piace molto uscire, se vuoi possiamo fare così" e lo guardo estasiata e felice,
il vento ci scompiglia i capelli e io sento l’intreccio caldo delle nostre mani e c’è uno sguardo di intesa così forte…..
ci guardiamo negli occhi e questo ci basta….
niente altro, guardarsi negli occhi con le mani ancora intrecciate……………."

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Questa notte ho ricordato lui,
era avvolto in una nebbia densa inconsistente e veniva da basso ,
.. non mi sembrava vero poterlo incontrare in quella strada irta e scabrosa,
..sapete in quella zona ci sono delle antiche costruzioni e delle grosse palle di ferro ammonticchiate sulla montagna come grappoli di uva, si dice siano monumenti storici,
ebbene su quel monte lo incontrai poco prima della vigilia di natale,
era molto freddo e stavo correndo in discesa verso la fermata dell’autobus quando lo vedo e mi sembra una visione che si avvicina,
mi saluta ed io imbarazzata rispondo al saluto,
mi dice che gli sono mancata che è tanto che non ci sentivamo,
è con un amico uno che non conosco e che ci evita camminando avanti e lasciandoci un goccio di intimità
lui mi fa gli auguri di buone feste dato che le passeremo lontane e poi si avvicina e a sorpresa mi da un bacio sulla guancia
a me ancora brucia quella guancia,
chissà come il tempo non riesce a cancellare il calore dei ricordi,
solo io e lui abbiamo condiviso questo momento speciale, nessun altro…..
e mai questo momento si cancellerà dai nostri cuori, ne sono certa, era un giorno di dicembre prima di natale……..

commenti : (1)

Categorie:Argomenti vari Tag: